Eventi collegati al Giorno della Memoria – niente sterili polemiche

L’Amministrazione Comunale è da sempre vicina agli eventi cittadini e sostiene le associazioni culturali. La posa della pietra d’inciampo in memoria di Pietro Bastanzetti è una delle tappe di un percorso che si concluderà nelle Scuole.

Saronno, 28 gennaio 2019 – “L’attuale Amministrazione Comunale da sempre è presente e sostiene costantemente tutti gli eventi culturali cittadini” – questa la dichiarazione di Raffaele Fagioli, Presidente della Commissione Cultura ed esponente della Lega Nord Saronno – che ha voluto intervenire per rispondere alla polemica emersa per la presunta mancanza di partecipazione dell’attuale Amministrazione Comunale alla vita cittadina.“Ricordiamo a tutti i saronnesi che l’evento di sabato mattina ha sicuramente avuto l’appoggio della nostra amministrazione, come tutti i numerosi eventi che hanno un risvolto educativo per i nostri ragazzi e ricordano momenti importanti della storia della nostra città, attraverso personaggi che hanno contribuito con il loro operato a tenerne vivo il ricordo ed il buon nome di Saronno.” – ha dichiarato Fagioli. “Se per circostanze esclusivamente casuali non è stato adeguatamente presenziato dall’Amministrazione non è di certo da considerare una mancanza voluta”. E ha aggiunto: “Rallegriamoci della significativa partecipazione dei cittadini a tutti gli eventi proposti dalle associazioni, sostenute direttamente o indirettamente dall’assessorato alla cultura, ed al significato più profondo del Giorno della Memoria. L’evento di sabato rappresenta la prima tappa di un percorso che è entrato nel vivo domenica, giorno della Memoria, e proseguirà nelle scuole di ogni ordine e grado della nostra città”. Claudio Sala, segretario cittadino, conclude:”Le illazioni e le successive polemiche per l’assenza sono più gravi dell’assenza stessa e hanno il sapore di un’azione politica di basso livello. Impegniamoci affinché il Giorno della Memoria non venga snaturato, come altre ricorrenze, per scopi politici estranei al contesto”.

Condividi: