Strage di alleati? No, solo egocentrici che hanno optato per l’eutanasia politica


Gli “alleati vittime di strage” sono singole persone che hanno liberamente deciso di non voler più proseguire il percorso con l’amministrazione; sono soggetti che poi si riciclano come indipendenti, come presidenti di associazioni, come primi firmatari di NO-tutto.

Saronno, 3 marzo 2019. Il consigliere indipendente Indelicato, eletto nella lista di Fratelli d’Italia, esterna frequentemente contro l’amministrazione Fagioli. Forse le frequentazioni ed amicizie, dichiarate anche pubblicamente, lo inducono ad affermazioni non necessariamente farina del suo sacco.

E’ necessario ricordare a Indelicato che gli alleati sono gli stessi movimenti, partiti e liste che hanno condiviso la campagna elettorale del 2015 nessuno escluso.

Gli “alleati vittime di strage” sono singole persone che, a vario titolo, hanno liberamente deciso di non voler più proseguire il percorso con l’amministrazione e, pur ricoprendo ruoli di responsabilità in alcuni casi con nomina fiduciaria, hanno confuso il rispetto dei ruoli e l’opportunità a favore di filosofeggiamenti vari per soddisfare il proprio ego smisurato. Si tratta dunque di casi di eutanasia politica volontaria dei soggetti; soggetti che poi si riciclano come indipendenti, come presidenti di associazioni, come primi firmatari di NO-tutto.

Gli alleati, quelli veri, si incontrano e collaborano costantemente e con convinzione a sostegno del Sindaco Fagioli. La Lega ha ottimi rapporti con Fratelli d’Italia, Doma Nunch, Federalisti, Saronno Protagonista, Saronno al Centro, Forza Italia.

Le esternazioni di chi si è autoescluso sono una nota stonata di una musica allegra, vivace e in crescendo che sta regalando un nuovo rinascimento a Saronno.


Claudio Sala
Segretario Lega Nord Lega Lombarda di Saronno

Condividi: