Il disco rotto del PD sulla gestione delle occupazioni

Cattivi maestri e fautori di precedenti imbarazzanti, ora il PD ed i suoi rappresentanti si ergono a censori del pensiero leghista mistificando la realtà e modellando la storia a proprio interesse. Come sempre.

Saronno, 11 marzo 2019.

E ci risiamo. Dopo ogni occupazione, dopo ogni atto fuorilegge dei Telos, ci troviamo a leggere il solito intervento fotocopia del PD e dei suoi rappresentanti locali.

La Lega Nord di Saronno ha sempre criticato l’amministrazione PD per il suo permissivismo nei confronti del Telos, per la mancanza di denunce in caso di occupazione di stabili comunali; del lassismo in occasione delle lunghe occupazioni, come ad esempio l’ex macello. La Lega Nord ha criticato i dichiarati accordi tra sindaco e Telos per una sorta di comodato d’uso dello stabile fino al momento del bisogno da parte dell’amministrazione. Sgombero che poi si concretizzò in modi piuttosto curiosi con la vendita a Saronno Servizi di due immobili il cui importo servì a finanziare la ristrutturazione dell’ex macello e da lì la “necessità” di intervenire con l’allontanamento dei bravi ragazzi del Telos dalla proprietà comunale.

Forse i rappresentanti del PD confondono le posizioni della Lega con quelle di altre forze politiche e di altri battitori liberi dotati a parole di superpoteri e bacchette magiche.

La ricetta della Lega è semplice ed il Sindaco Fagioli la sta attuando puntualmente e senza tentennamenti: denuncia il giorno stesso dell’occupazione (in caso di stabili comunali) e collaborazione con le autorità competenti per gestire la questione nel migliore dei modi per la città. Quando di mezzo ci sono proprietà private, a normativa vigente, bisogna attendere la denuncia da parte dei privati proprietari degli immobili occupati; l’amministrazione anche in questo caso fa la sua parte, nei limiti e nel rispetto delle proprie competenze.

Anche i Telos si sono resi conto che Fagioli sulle occupazioni non fa sconti, tanto da scendere in piazza e manifestare contro le prese di posizioni del Sindaco. Solo Licata e compagni non se ne sono accorti, o meglio, preferiscono far finta di non capire.

Claudio Sala
Segretario Lega Nord Lega Lombarda di Saronno

Condividi: