Via Roma – ricorso al TAR tentativo temerario di fermare azione amministrativa

L’unico risultato che otterranno, dopo la montagna di bugie che hanno messo in giro, sarà rallentare i lavori.

Saronno, 04 aprile 2019.

Il ricorso al TAR è un tentativo temerario di bloccare un’iniziativa assolutamente legale e trasparente del Comune. Le delibere sono tutte pubbliche, è stata data ampia pubblicità sulla stampa, in commissione e in consiglio comunale, al contrario di quanto avvenuto nella precedente amministrazione quando il quartiere Prealpi si è trovato una viabilità modificata dall’oggi al domani, via Varese è stata oggetto di uno scempio senza precedenti, in via Padre Giuliani avrebbero voluto tagliare 40 piante. Il differente comportamento della passata amministrazione è evidente. Quando erano loro a voler tagliare, tutto taceva.

Ora che le urne hanno dato loro torto, i professionisti del no si rivolgono ai tribunali, dove sperano di ottenere un doppio effetto: tacitare chi non è d’accordo con loro e bloccare per qualche tempo la corretta azione amministrativa.

I consiglieri comunali si dovrebbero comportare in modo corretto con l’amministrazione. Ci chiediamo se certe azioni siano tanto temerarie da comportare risarcimento danni per coloro che nel frattempo saranno danneggiati dal fatto di non poter sistemare la strada.

Se qualcuno si fa male cadendo per colpa delle radici, venendo investito sulla ciclabile non a norma, o se via Roma si allaga a causa delle fognature colabrodo, sapremo chi incolpare.

L’unico risultato che otterranno, dopo la montagna di bugie che hanno messo in giro, sarà rallentare i lavori.

Rispediamo al mittente le accuse di arbitrarietà. Ci riserviamo di richiedere risarcimenti danni e di chiedere a chi di competenza di valutare certi comportamenti.

Angelo Veronesi

Capogruppo Lega Nord Lega Lombarda per l’indipendenza della Padania di Saronno

Condividi: