Prima l’istruzione, prima i nostri figli

Lo Stato ha fallito: le Regioni attraverso l’autonomia locale potrebbero fare molto meglio

Per la riapertura delle scuole a settembre servono scelte drastiche da parte del governo.

Se vogliamo diminuire il numero di studenti in classe da 30 a 15 l’unica soluzione è raddoppiare il numero degli insegnanti.

Si torni a investire in cultura ed istruzione.

Il Comune è pronto in ogni momento a riaprire le scuole che erano state chiuse e nel frattempo adibite ad altro.

Nel corso degli ultimi trent’anni, con la scusa del calo demografico, lo Stato ha ridotto i finanziamenti per la pubblica istruzione.

Lo Stato ha fallito: le Regioni attraverso l’autonomia locale potrebbero fare molto meglio

Prima l’istruzione, prima i nostri figli.

Angelo Veronesi
Lega Lombarda Saronno

Condividi: